Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_sydney

Flying Dreams

Data:

15/09/2017


Flying Dreams

Mostra di opere grafiche di arte italiana contemporanea

La mostra presenta 14 straordinarie opere grafiche a tiratura limitata, eseguite con la tecnica dell’incisione calcografica (acquaforte, acquatinta, puntasecca, maniera zucchero, carborundum), di alcuni dei più rappresentativi artisti italiani che hanno ottenuto importanti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale: Carla Accardi, Piero Pizzi Cannella, Giovanni Frangi, Luca Pignatelli, Matteo Massagrande, Giuseppe Santomaso, Emilio Vedova e Giuseppe Zigaina. I lavori sono stati realizzati dalla Stamperia d’arte Albicocco, uno degli ultimi atelier di stampe d’arte ancora in attività.

Operante fin dall’inizio degli anni Settanta ad Udine sotto altro nome, la stamperia è stata fondata da Corrado Albicocco che, insieme al figlio Gianluca, l’ha resa punto di riferimento per la stampa calcografica nazionale ed internazionale. Grazie al suo talento, passione e sensibilità, Albicocco è riuscito a conquistarsi la fiducia di alcuni fra i più grandi artisti contemporanei, che nell’artigiano friulano trovano il “traghettatore” ideale del loro lavoro su carta, dove ogni stampa è il risultato magistrale di un antico ed intramontabile saper fare.

corrado albicoccoCorrado Albicocco nasce nel 1947 a Urbino, dove trascorre la sua infanzia e la giovinezza, frequentando le scuole primarie e formandosi a livello superiore presso la prestigiosa Scuola del Libro. Nel 1972, insieme al collega urbinate Federico Santini, apre a Udine la Stamperia AS in via Volontari della Libertà, poi trasferita in Via Gemona 100. Entra in ruolo come insegnante di Grafica pubblicitaria presso l’Istituto d’Arte di Udine e avvia la sua attività di stampatore. La “Stamperia AS” lavora con grande impegno e tirerà le lastre di Giuseppe Santomaso, Emilio Vedova, Armando Pizzinato, Emilio Greco, Nunzio Gulino, Albert Merz, Giuseppe Zigaina, Leonardo Castellani, Walter Piacesi, Walter Valentini, Pericle Fazzini, Alberto Sughi, Piero Dorazio, Jiří Kolář, Vladimir Veličković, per citare alcuni autori che indicano l’estensione e la qualità delle collaborazioni. Nel 1994 Corrado Albicocco lascia la AS per aprire la “Stamperia d’Arte Albicocco” in Via Ermes di Colloredo, caratterizzata in questi anni dall’ingresso di artisti di una nuova generazione che apporteranno al mondo grafico nuova linfa e vitalità. Si affacciano nella stamperia udinese autori delle officine milanesi e romane, oltre a una generazione nuova di diversa provenienza, scuola e poetica: Albicocco collabora con autori come Giovanni Frangi, Marco Petrus, Luca Pignatelli, Velasco, Alex Corno, Piero Pizzi Cannella, Marco Tirelli, Bruno Ceccobelli, Nunzio Di Stefano, Stefano Di Stasio, Giovanni La Cognata, Paola Gandolfi, Klaus Karl Mehrkens, Matteo Massagrande, Franz Schwarzinger, Omar Galliani, Graziella Da Gioz. Nel progetto di diffusione della cultura grafica, la Stamperia Albicocco sin dalla nascita si apre alle mostre d’arte incisoria. L’attività culturale della Stamperia Albicocco vede nel 2013 il riconoscimento della Regione Friuli Venezia Giulia. Nel 2015 la Stamperia termina un importante lavoro con il maestro dell'Arte Povera Jannis Kounellis. Nel 2016 il Comune di Pordenone, in occasione del Centenario delle Industrie Zanussi Electrolux, dedica una mostra, presso la Galleria d’arte Moderna e Contemporanea Armando Pizzinato, sulla collaborazione tra la Stamperia e le Industrie Zanussi Electrolux, dal titolo “Filando i remi“.

Inaugurazione privata.

La mostra è visitabile presso l’Istituto Italiano di Cultura dal 15 settembre al 31 ottobre nei seguenti orari:

Ore 9.30-18.00 (lun.-giov.) – 9.30-13.30 (ven.)

Informazioni

Data: da Ven 15 Set 2017 a Mar 31 Ott 2017

Orario: Dalle 09:30 alle 19:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : Stamperia d'Arte Albicocco

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1021